“ Bocca di Rosa “

 

 

 

Lei , che come cantava Fabrizio De André   “metteva l’amore sopra ogni cosa” , si è spenta nel pomeriggio di sabato , a ottantotto anni , in uno dei grandi ospedali di Genova .

 

Le sue amiche giurano che il cantautore si era ispirato proprio a questa donna , ma Paolo Villaggio, amico fraterno del cantautore e custode di molti segreti pare dica che   — … sono moltissime le persone che mitizzano il proprio passato. E questa sarà un’altra leggenda. Bocca di rosa non esisteva nemmeno … –

 

E sul fatto che , sempre Lei , abbia ispirato Faber anche per “ Via del Campo”, altra ballata storica, il comico fa a pezzi ancora un mito : — Non ci andavamo nemmeno in via del Campo, era un ghetto meridionale. Al massimo si passava dal “Ragno d’ Oro”, un locale in un grattacielo di Piazza Dante . –

 

Le amiche raccontano che Bocca di Rosa ha svolto  tanti di quei lavori , oltre a quello più chiacchierato : baby sitter, barista, cameriera e tutto per tirar su , da sola , un figlio .

La sua casa , dicono , è un mosaico di fotografie, tanti ritratti da  giovane, avvolta in abiti a fiori , capelli neri sciolti, sguardo timido, fotografata in ogni angolo di Genova , e ha proprio  “gli occhi grandi color di foglia” della celebre ballata.

 

Negli ultimi anni di solitudine , le  piaceva fotografare alberi di Natale , su cui appendeva regali che si faceva da sola .

Adorava bere caffè con i biscotti, ricevere visite dai vicini e coltivare fiori , anche se nel giardino  non ci sono rose.

Accarezzava i gatti per strada , andava a Messa , giocava al lotto i numeri della data di nascita del figlio , morto tanti anni fa , e ha sempre aiutato chi aveva bisogno .

 

Addio , Bocca di Rosa !

Vera o inventata , che importa .

 

Liberamente tratto da

“ilsecoloxix.it”

 

 

 

 

 

 

“ Bocca di Rosa “ultima modifica: 2010-06-15T17:30:00+02:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su ““ Bocca di Rosa “

  1. Ciao Wally!! Pensa che neanche sapevo che, forse, la canzone di De Andrè si ispirasse ad una figura reale!! Mi piace molto “bocca di rosa” anche per la sensualità che nasconde la prosa della canzone… però, che fosse dedicata ad una donna reale, non lo immaginavo. Buon pomeriggio a te e ciao!

    p.s.: comunque, vedo che le “genovesi” non hanno lasciato un segno solo con me probabilmente (sorrido)!!

  2. Che fosse lei o no non ha importanza, è un simbolo. Evviva le Bocca di Rosa: Abbasso l’ipocrisia. Comunque penso sia vero che De André non andasse in via del campo, era ricco e anche un po’ snob, anche se a me piaceva e piace sempre maledettamente la sua musica. Tornando alla signora che lo faceva per passione, pensa invece quante poverette adesso devono farlo per ricatto e con violenza. Che tristezza. Ciao Wally

  3. BUON GIORNO WALLY
    .
    TUTTO OK ?
    .

    HO PUBBLICATO SUL MIO BLOG LA LETTERA DEI LAVORATORI DELLA FIAT IN POLONIA , LA TYGHY , AI LAVORATORI DI POMIGLIANO ………………….
    .
    NON TI NEGO CHE QUANDO LO LETTA , MI SONO VENUTE LE LACRIME AGLI OCCHI E UN NODO ALLA GOLA ………………………. PER UNO COME ME , CHE DEI 53 ANNI VISSUTI , 33 LI HA PASSATI SULLE BARRICATE A DIFENDERE IL DIRITTO AL E PER IL LAVORO ……………… QUESTO E’ UN MOMENTO DRAMMATICO .
    .
    SO CHE HAI DIFFICOLTA’ A COMMENTARE ……….. MA ALMENO VALLA A LEGGERE E POI , PUO’ COMMENTARE , SE TI VA , SUL TUO BLOG ……..
    .
    BISOGNA SCUOTERE GLI ANIMI ……… FINCHE’ SIAMO IN TEMPO .
    .
    UN GRANDE SALUTO IN AMICIZIA .

  4. Da genovese sai bene che quando anche i topi abbandonano la nave vuol dire che stà per affondare, e più sorci di quelli… Uno mi ricorda uno di quelli del cartone animato di cenerentola…
    De Andrè… un’epoca! Ho imparato a suonare la chitarra con “Marinella” che era la canzone delle nostre gite al liceo..
    Ciao Amica mia, è bello avere dei ricordi che non facciano male.
    Anna

  5. BUON GIORNO WALLY , TUTTO OK ?
    .
    A CONFERMA DEL REALE PERICOLO COSTITUITO DAL ART. 1 , COMMA 29 , DI QUESTA ENNESIMA PORCATA , DENOMINATA DDL INTERCETTAZIONI , TI RIPORTO UN ARTICOLO COMPARSO SU
    http://www.mobilitanti.it/dettaglio/110443/nessuno_tocchi_i_blog ……………. ORGANO DEL PARTITO DEMOCRATICO .
    .
    QUINDI , ADESSO NON SONO PIU’ SOLO I SOLITI ” STRILLONI ” A SOSTENERE IL BAVAGLIO AI BLOG …………. SE ADDIRITTURA ANCHE IL PD …………….. PARTITO DEMOCRATICO SCENDE IN CAMPO , SIGNIFICA CHE IL FATTO E’ REALE ……………………….
    FORSE GLI STRILLONI AFFACCIATI ALLE FINESTRE , HANNO GRIDATO TANTO FORTE , DA FAR DESTARE ANCHE IL PD .
    .
    .
    ECCO L’ ARTICOLO :
    .
    NESSUNO TOCCHI I BLOG
    Art.1, comma 29 del ddl intercettazioni: i blogger devono pubblicare le richieste di rettifica in 48 ore o pagare fino a 12.500 euro. Aboliamo questa norma
    Metti questa campagna sul tuo status Facebook
    Da pochi giorni in Senato la maggioranza con la trentesima fiducia ha approvato il ddl intercettazioni: un testo che tutela meglio i criminali dei cittadini e uccide il diritto ad essere informati. Tra i commi del testo ci sono attacchi e censure anche alla Rete. Una pagina davvero brutta per la democrazia italiana, il ddl intercettazioni dopo 2 anni di gestazione si dimostra un grande esproprio della democrazia e dell’informazione, dove le notizie cattive si sommano, e ora toccano anche il controllo e la censura della Rete. Come hanno indicato i senatori del Pd Vincenzo Vita e Felice Casson tra i tanti passaggi liberticidi e censori del maxiemendamento sulle intercettazioni ce n’è anche uno devastante per la rete. Infatti, per ciò che attiene alla ‘rettifica’, si equiparano i siti informatici ai giornali, dando ai blogger l’obbligo di rettifica in 48 ore. Il comma 29 dell’art. 1 prevede che la disciplina in materia di obbligo di rettifica prevista nella vecchia legge sulla stampa del 1948 si applichi anche ai “i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica”! I blogger all’entrata in vigore della nuova legge anti-intercettazioni, dovranno provvedere a dar corso ad ogni richiesta di rettifica ricevuta, entro 48 ore, a pena, in caso contrario, di vedersi irrogare una sanzione fino a 12.500 euro.. Ma un blog non è un giornale, il blogger non è un redattore, spesso gli aggiornamenti sono saltuari. Si può rischiare una maximulta perché magari si è in vacanza o non si controlla la posta? Ciò significa rendere la vita impossibile a migliaia di siti e di blog, ben diversi dalle testate giornalistiche. Lo fanno dimenticando che la rete è proprio un’altra cosa. L’emendamento del PD per modificare questa norma non è stato discusso perché la fiducia taglia tutto . Ma la destra abituata a usare la tv o non lo sa, o sperando nel silenzio prova a mettere le mani dove ancora non era riuscita a farlo. Non sappiamo se questo sia l’obiettivo perseguito o solo un effetto collaterale dell’ignoranza con la quale il centrodestra continua ad affrontare le dinamiche della ret e, di sicuro faranno passare ai più la voglia di occuparsi, on line, di informazione in ambiti o materie suscettibili di urtare la sensibilità di qualcuno ed indurlo a domandare – a torto o a ragione – la rettifica. Un ottimo silenziatore alle domande legittime dei frequentatori del web. Non finisce qui. I senatori PD vogliono presentare, d’intesa con i colleghi della Camera dei D eputati, un disegno di legge seccamente abrogativo della seconda parte della lettera a del comma 29 che recita per l’appunto: ”per i siti informatici sono pubblicate entro 48 ore dalla richiesta…”. Ci chiediamo se l’emendamento sarà sostenuto anche dai parlamentari di PDL e Lega che fanno parte dell’intergruppo web 2.0 e che nei convegni si esprimono sempre a difesa della libertà d’espressione in rete. Ora devono dimostrare alla rete che le loro non sono solo parole, da abolire a un cenno di Berlusconi. Chiediamo loro di firmare e votare l’emendamento PD al comma 29 per abolire l’obbligo di rettifica in 48 ore per siti e blog.
    .
    UN SALUTO WALLY .

  6. “” I blogger all’entrata in vigore della nuova legge anti-intercettazioni, dovranno provvedere a dar corso ad ogni richiesta di rettifica ricevuta, entro 48 ore, a pena, in caso contrario, di vedersi irrogare una sanzione fino a 12.500 euro. “” GRAZIE DELL ‘ AVVERTIMENTO ! Quando fosse entrato in vigore il ddl suddetto ( che per ora deve ancora essere discusso alla Camera dei Deputati ) , se restasse in vigore il comma 29 dell’ Art. 1 e mi venisse richiesto di rettificare un mio post entro 48 ore , mediterei il da farsi , nell’ impossibilità di pagare 12.500 euro che , comuque , non so dove e come potrebbero prendermeli , visto che non li ho . Mi pare prematuro preoccuparsi fin da ora . Ne ho già , di preoccupazioni urgenti . Buon fine settimana ! wally

Lascia un commento