Pesi e misure

 

Chissà se si sarà capito , io leggo ” IL SECOLO XIX ” .

Se scendo a fare la spesa lo compero all’ edicola sotto casa  , se non esco incarico qualche vicino gentile di comperarmelo , perchè  mi piace sfogliarne le pagine seduta in poltrona , raccoglierle quando cadono , riordinarle , ritagliare articoli interessanti , anche se  la mattina appena alzata ho già letto l’ edizione on-line .

Che è uno spettacolo !

Gli articoli vengono commentati dai lettori e sembra l’ antico gioco del telefono che si faceva da bambini : ci si metteva in riga , il primo diceva una parola all’ orecchio del secondo , questi al terzo , così via e dopo dieci bambini , della parola iniziale non c’ era più traccia .

Così nel forum del quotidiano , ognuno va per conto suo , si comincia dalla politica , si finisce sul calcio o viceversa ( c’ è persino chi trova motivi per  rimpiagere i tempi della  Repubblica di Genova ) e qualsiasi  notizia viene commentata o non commentata  se vista da destra o vista da sinistra .

Settimane fa , per esempio , nel comune di Rapallo , un tale sentì dei rumori , ch’ era già buio , nel proprio giardino , sparò una fucilata e colpì un cinghialetto ( in Liguria abbiamo un’ invasione di cinghiali , ce ne sono persino nei giardini dell’ Ospedale San Martino ) : ci furono centinaia di commenti alla notizia , tutti a favore del povero cinghiale e dell’ incolumità pubblica , chè persone di passaggio in quella zona avrebbero potuto essere colpite da quella fucilata .

Giustissimo !

Solo che , giorni dopo , un fatto simile capitò a Campomorone , altro comune della provincia  :  una signora sentì fruscii in giardino , imbracciò il fucile del marito cacciatore , esplose due colpi e mise in fuga dei ladri , ferendone uno , di cui si trovarono tracce di sangue .

E tutti i commenti furono a favore della signora , nessuno accennò all ‘ incolumità pubblica e dei disgraziati presunti ladri ( che certamente dovevano essere extracomunitari ! ) si scrisse che avrebbero meritato non il ferimento , ma la morte .

La settimana scorsa ,  nella riviera di ponente , l’ autista di un furgone , sceso dal proprio mezzo per non so qual motivo , rimase schiacciato tra questo e un muro e morì ; i lavori del cantiere edile proseguirono , finchè non furono bloccati dal magistrato .

Commenti alla notizia , otto o nove , esauriti in poche ore  — … son cose che capitano … —   — … ma chissà perchè era sceso  dal furgone … —  .    Il povero morto , quarantenne e padre di due figli era uno slavo .

La notizia più fresca è quella del  rinvenimento del cadavere di un marocchino  sotto un cavalcavia  dell’ autostrada A7  , Genova Milano  , ucciso altrove , buttato lì e rimasto impigliato tra gli arbusti .   Subito pareva si trattasse di un regolamento di conti tra spacciatori o delinquenti assortiti ed i lettori si sono sbizzarriti nei soliti commenti xenofobi .

Ma sul giornale on-line di stamattina ,  vien fuori che il sospettato dell’ omicidio è l’ impresario edile Santo Caccamo , evidentemente italiano , per cui il morto lavorava  .

Sono passate le undici , la notizia è in onda da almeno tre ore e nessuno ha commentato .

Io non  ho parole !

Pesi e misureultima modifica: 2008-11-11T11:18:52+01:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Pesi e misure

  1. Cara Wally, io sono dall’eta’ della ragione che voto a “sinistra” e credimi, la colpa di tutto questo è dato dalla manica larga che i “nostri politici” hanno avuto verso questi popoli.
    Non si puo’ barattare il voto contro la sicurazza del tuo paese.
    A presto Cri

  2. Ormai è un rito, per me. La mattina scendo con il Nano e lo porto a scuola. Poi vado a lasciare la macchina e a prendere la moto, che con il traffico di queste parti… arrivo in ufficio verso le otto e quaranta/quarantacinque. Mi tolgo il casco e entro nel bar di fianco alla mia agenzia. Saluto tutti, con uno sguardo individuo il giornale (il Secolo, appunto) e mi metto comoda ad un tavolino. Arriva la ragazza con il mio caffè, il latte e l’acqua minerale. Dieci minuti che mi rimettono in pace con il mondo. Anche se a volte, leggere certe cose, fa incazzare 🙂 Ale

  3. spreco di aggettivi, dici? Di aggettivi ce ne sono talmente tanti che, come per la peronospera, sprecarli è una missione umanitaria. Ma quelli si rigenerano, non come le auto che le devi aggiustare, altro che contrattempo! Lasciami piangere sul mio latte versato e non biasimarmi se nel post, tolti gli aggettivi, niente altro ti resta. Tapenoon

Lascia un commento