Lucciola lucciola vien da me che ti darò un letto da re

“” Quarantadue anni, separato, senza figli, titolare di un piccolo laboratorio artigianale.

Quella notte di venti giorni fa, in corso Cavallotti, aveva provato a discolparsi, a spiegare che si era fermato solo per chiedere un’informazione, che lui non sapeva si trattasse di una lucciola, anzi di un trans.

Insomma, non cercava compagnia, tanto meno a pagamento. Ma la pattuglia dei vigili di Sanremo non aveva sentito ragioni. E dopo una civile ma inutile discussione, l’uomo si era visto contestare la violazione dell’ordinanza firmata una decina di giorni prima dal sindaco Borea.

E di conseguenza la maxi-sanzione di 500 euro. Trenta i giorni a disposizione per saldare il conto.

Ma l’artigiano, dopo averci rimuginato sopra un paio di giorni, si è rivolto a un avvocato: quella multa è un’ingiustizia, voglio impugnare il verbale.

Detto e fatto. E venerdì mattina il ricorso è arrivato sulla scrivania del comandante della polizia municipale . 

Che ha confermato: «È vero, ci è pervenuta un’impugnazione: la prima contro l’applicazione dell’ordinanza volta a contrastare il fenomeno della prostituzione. La esaminerò».

Se sarà rigettata, il quarantaduenne si rivolgerà al giudice di pace ,  perchè  non mette in discussione la legittimità delle misure adottate dal primo cittadino sanremese, ma il fatto di essere incorso in una violazione.

Tre le argomentazioni in cui si articola il ricorso. La prima è che si sarebbe accostato con la macchina solo per ottenere un’informazione, quindi senza scaricare o far salire a bordo nessuno.

In secondo luogo, sostiene che non sarebbe stato a conoscenza della “professione” della persona interpellate, che tra l’altro non era una ragazza ma un transessuale brasiliano. In ultimo, la sosta dell’auto non avrebbe intralciato in alcun modo la viabilità, tanto meno rappresentato un elemento di rischio per la pubblica incolumità. In pratica, afferma il ricorrente, si sarebbe fermato nell’area di una stazione di servizio.

«Ripeto, valuteremo le motivazioni del ricorso. Se non saranno accoglibili, andremo davanti al giudice», taglia corto il comandaante dei vigili

Che sempre ieri ha riferito di non avere notizia di un’altra iniziativa legale che sarebbe stata promossa da uno dei trenta multati. 

La soluzione meno costosa per i multati  , potrebbe essere quella di una “class action” ovvero un’azione collettiva risarcitoria sul modello del sistema americano.

Ma in Italia questo strumento non è ancora utilizzabile. Inoltre per abbattere i costi bisognerebbe “consorziare” un bel po’ di “clienti”. “”

Da “ilsecoloxix.it”

Lucciola lucciola vien da me che ti darò un letto da reultima modifica: 2008-10-06T17:11:00+02:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento