” L’ inutile linea del Piave “

 ………………….

 Il governo deve smetterla di mentire.

Come hanno dimostrato i segnali di disponibilità arrivati in queste ultime ore da Lufthansa e Air France, non è vero che “non ci sono mai stati interessi da parte di compagnie estere”, come ha detto per giorni il premier.

Quegli interessi c’erano e ci sono, eccome. Avevano ed hanno solo bisogno di essere sollecitati, e soprattutto verificati alla luce del sole e all’insegna di una posizione aperta da parte del governo.

A questo punto, se su Alitalia si apre una competizione tra i grandi vettori internazionali, Berlusconi deve contemplare tutti gli schemi di gioco possibili, e non continuare ad usare l’unico schema ideologico e “cadornista” che ha usato finora: non passi lo straniero.

A Lufthansa o Air France devono essere garantite le stesse condizioni, normative, procedurali e finanziarie, concesse a Cai. I tedeschi e i francesi possono affiancare la cordata italiana con una quota di minoranza, ma dobbiamo sapere che questo schema difficilmente reggerà alla prova del mercato europeo, in cui nel giro di pochi anni sono destinati a rimanere solo 3 o 4 grandi player globali.

Quindi, se Lufthansa o Air France fanno un’offerta che non affianca, ma sostituisce quella di Cai, Berlusconi ha il dovere di prenderla in serissima considerazione, allargando lo schema e mettendo finalmente da parte i paletti politici, giuridici o campanilistici.

L’Alitalia non è il Piave.

E’ solo una compagnia aerea. Agli italiani interessa che si rilanci, qualunque sia il colore della sua bandiera.

Massimo Giannini 

( Repubblica / 25 settembre 2008 )

” L’ inutile linea del Piave “ultima modifica: 2008-09-25T11:09:45+02:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “” L’ inutile linea del Piave “

  1. Il premio è un modo per testimoniare la stima di un blogger a un altro. Il fatto che me l’abbia attribuito giusi mi rende felice, il resto non mi interessa. se devo essere sincera, volevo passarlo anche a te, ma ho rinunciato immaginando che la cosa ti avrebbe infastidito. o sbaglio?

Lascia un commento