27 Febbraio – Rabarama

Zappingando sul televisore , per sfuggire al solito sport , alla solitissima politica , all' eterno  chi l' ha visto ?  , alle iene  e ad uno  strampalato  film ,  sono finita su " Telemarket " ,  un' emittente che vende  quadri e sculture  .
Del costo di decine di migliaia di euro .
Di  arte non mi intendo assolutamente ,  nè comprerei mai opere , chè non ne ho assolutissimamente la possibilità , ma  mi piacciono le cose belle .
O strane .
E di veramente strano , ho visto una scultura , in bronzo dicevano , ma ricoperto di tessere multicolori , forse esagonali , sì da parere squame di rettile .
La scultura rappresentava due corpi bellissimi , avvinghiati l' uno all' altro , o meglio , l' uno sorreggeva l' altro e si confondevano .
Mi hanno fatto rabbrividire quasi di disgusto , come il famoso Gruppo di Laocoonte sulle copertine dei libri di scuola , però mi piacevano .
E continuo a pensarci .
Se fossi molto ricca , forse li comprerei , quei due .
L' Autrice è una giovane artista veneta molto quotata , a quanto pare .

Il suo peseudonimo è  Rabarama .

Stravagante come le sue statue .

27 Febbraio – Rabaramaultima modifica: 2007-02-27T02:02:04+01:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “27 Febbraio – Rabarama

  1. Cara Dama Gianna, hai scritto: “L ‘amore c’è e se siamo incapaci di amare è solo perchè non lo vediamo”. Bene. 10.000 anni che non risolviamo questa terribile questione, e sarebbe bastato chiederlo a te, che avevi in tasca il bigliettino del Bacio Perugina che ti ha rivelato il Grande Segreto. Quando vi renderete conto di quanto siete superficiali, melensi, fasulli, sarà troppo tardi.
    Vivete, magari ancora a trent’anni, in un mondo indorato, ignorando che ben presto riceverete toste cornate senza possibilità di appello, fragili e inconsistenti come siete. Non c’è l’ho con te personalmente, chi ti conosce, ma vi omologate tutti negli stessi rassicuranti termini, la Fiera del Banale. Dunque evitare commenti astrusi, stereotipi, luoghi comuni: pensare, perlopiù.

Lascia un commento