30 Novembre – Piazza Carlo Giuliani , ragazzo


Così fu scritto con un pennarello blu , tirata una riga su Gaetano Alimonda , sulla targa stradale della tragica piazza di quel tragico pomeriggio di luglio , davanti alla Chiesa di Nostra Signora del Rimedio , che proprio in quei giorni compieva cent' anni .
La trasmissione di ieri sera a  " Primo piano " , con l' ex carabiniere Placanica ed il padre di Carlo Giuliani , ha riportato alla mente quei terribili giorni del G8  a Genova .
Immagini viste e riviste centinaia di volte , ma che ogni volta mettono un groppo in gola .
Verremo mai a capo di questa disperata storia ?
Un povero ragazzo morto , un altro povero ragazzo ugualmente distrutto e un terzo ragazzo sconoscito , che subito dopo gli spari fu inseguito per pochi metri da poliziotti , che gli gridarono — … sei tu che l' hai ucciso , pezzo di m…. ! —
Tutto lì .
Sparì  nella baraonda e di lui  non si è saputo più nulla .

Un giallo alla Lucarelli .

Se non suonasse troppo irriverente .

30 Novembre – Piazza Carlo Giuliani , ragazzoultima modifica: 2006-11-30T10:43:13+01:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

16 pensieri su “30 Novembre – Piazza Carlo Giuliani , ragazzo

  1. mah, tempo fà leggevo non ricordo più su quale giornale un articolo di tony capuozzo, il quale era proprio in piazza alimonda, che parlava proprio di una terza persona, mi viene da pensare se era un ragazzo giovane di chi è figlio per non sapere che è? se era un uomo maturo chi è perchè non debba sapere? salutoi dal pony

  2. No. In questo mondo non lo sapremo mai. Lo scandalo calcio ha dimostrato che le peggiori supposizioni in Italia si avverano o si sono avverate. Che poi Giuliani non fosse un santo o che possa averlo ucciso anche Placanica, la colpa è stata organizzare e gestire un G8 in quel modo e spero che se c’è un inferno ci finisca qualcuno di importante e paghi.

  3. già… che triste vicenda, è una ferita ancora aperta e dolorante nella coscienza di tanti italiani. ci sono ancora tante persone (o forse poche, vista la grande facilità con cui l’italiano dimentica) che ancora si chiedono come è andata e come mai dopo tutto questo tempo non si sia ancora fatta chiarezza. Bah! Un saluto 🙂 mauro

  4. grazie, il lupo è crepato non preoccuparti, speriamo che continui così. Pensavo peggio. Anche se poteva andare meglio, ma si paga a volte lo scotto della poca esperienza e del non avere collaboratori che ne sanno più di te. Questa del ragazzo sconosciuto fuggito non la sapevo mica!

Lascia un commento