14 Agosto – Trecento secondi di grandine

 " Cinque minuti .
Tanto è durata la grandinata che ieri  si è abbattuta sul basilico DOP  della piana di  Pra' , una delle delegazioni più a ovest del comune di Genova , famosa appunto per l' odorosa piantina , madre del  pesto  genovese  .
Trecento secondi che hanno mandato in frantumi tutte le serre e le speranze di guadagno degli agricoltori .
Costretti con tutta probabilità a rinunciare persino al raccolto invernale . "

Fin qui , "IL SECOLO XIX"  di oggi .

Lei  era proprio  in quella zona , in quell' ora , bloccata nel traffico ed ha mandato un messaggino al marito  — tardo un po' per la cena , mangia pure , scusami ! —
Perchè i patti eran questi : fin che non arriva l' omologazione del giudice alla separazione ,  continuiamo a stare assieme , facciamo i separati in casa .
Dormiamo in stanze diverse , ma sediamo alla stessa tavola , agli orari consueti .
Lei , veramente , in questo mese ha calcato un po' la mano sulla situazione :  ha fatto le faccende domestiche appena appena indispensabili alla sopravvivenza , e nelle ore libere dal lavoro  se n' è andata in giro  col nuovo lui .
Arrivando poi a casa spudoratamente allegra e raggiante , infischiandosene che il  marito  fosse sempre più cupo .
Il ritardo di ieri sera ,  ha fatto infine traboccare il vaso della pazienza maritale .
Al rientro , è stata accolta con  una furiosa  lite e con l'  ingiunzione — prepara le valigie , domattina ti accompagno a casa di tua madre . —
Lei ,  non se l' aspettava , immaginava di protrarre  per chissà quanto tempo quello stato di cose , magari finchè non avessero  trovato , col nuovo lui , una sistemazione adeguata .
Ha strepitato  — i patti non erano questi … —  ,   e facendo la parte della vittima ,  ha persino pianto , ma il marito è stato irremovibile .
E stamattina , impacchettati gli indumenti estivi ( gli altri li ritirerà mam mano che le occorreranno ) , è arrivata dalla mamma .
Che , ovviamente , se l' aspettava da un giorno all' altro .
Ma non si aspettava il gatto , anzi , aveva sempre chiarito che  — figlia sì , gatto no ! — .
E ne è venuta fuori  una discussione …. animatissima , con figlia e genero ,  per la  delizia dei pochi condomini non assenti per ferie .

Com' è finita !?

Il marito se ne è ripartito in macchina da solo  .
Lei si è  riposata , rifocillata , vestita bene ed è andata a prendere il treno .

Il gatto , frastornato dal  trambusto , si è   rintanato dietro le piante del salotto , cercando di non farsi notare .

E  a 'sto punto , avrete certo  capito che è rintanato dietro le piante del mio salotto .
Perchè ,  lei  , è mia figlia .








14 Agosto – Trecento secondi di grandineultima modifica: 2006-08-14T15:26:41+02:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

17 pensieri su “14 Agosto – Trecento secondi di grandine

  1. Auguro a tua figlia di trovare al più presto una sistemazione per se stessa e naturalmente per il suo gatto. Per quanto riguarda invece l’uomo della situazione, penso che avrei agito allo stesso modo. Ci è stata regalata la razionalità che però fa puntialmente cilecca quando si tratta di sentimenti e/o tradimenti. Forza e coraggio Wally…addà passà a nuttata…Salut i, George.

  2. Ciao mammina adorabile! Per imboccare i sentieri siamo partiti da Riccò del Golfo e siamo andati a Valdipino e, subito dopo, a Casella (quattro case). Lì parte il sentiero n.6 (che va a Manarola) e il n.7 (che va a Vernazza). Volevo prendere il 7… ma ho sbagliato. Comunque boschi incantevoli.. Di borghi locali ho visto, a parte le 5 terre, solo Corvara e Ponzò… Quattro giorni di esplorazione e di natura…

  3. No non dovrebbe esserci la malinconia, ma la felicità di esserci, il tempo passa si sà… se dentro ci si sente bene non si guarda l’età, lo spirito conta…. (spesso mi sono sentita pure io così è vero, poi mi sembra di fare un torto a chi non c’è più e mi dico basta) quindi anche a te dii basta niente malinconia, domani è un altro giorno… ciao un abbraccio lidia..

Lascia un commento