2 Febbraio – La beguine


Il display della " Farmacia Centrale "  segnava   gradi 0  ,  ore 8,57  ,  gma 02 02  06  .
Io  , tre chilometri a piedi ,  ero già nella strada principale del paese ,  così  , senza un preciso motivo , solo perchè era una splendida giornata di sole e  volevo  stare fuori .
Pieno  di automobili in giro ,  troppe per una cittadina di seimila abitanti ,  forse erano tutti lì , scappati come me da casa dopo tanta neve .
I negozi sollevavano appena le serrande , gente entrava .
Signore anziane con delle sottili candele in mano uscivano dalla Chiesa :  sì il giorno della Purificazione o della Candelora e mi pare che un vecchio proverbio dicesse che " se era bello alla candelora  dell' inverno si era  fora " .
Speriamo !
Sulla piazza del Municipio un vecchio con  un sassofono o un clarino ,  non so ,  non mi intendo di strumenti ,  suonava una sorpassata ,  languida   beguine  di sessanta – settanta anni fa  .
Suonava tanto bene che chi gli si era affollato intorno ha chiesto il bis e a me è sembrato  contento , oltre che delle monete piovute nel cappello ,  copiose ,  del successo  .
Era la famosa  " Besame mucho " ,  cavallo di battaglia di tanti cantanti , che nel finale della  versione italiana diceva " …. baciami ,  baciami tanto ….. fa' ch' io diventi una piccola parte di te ! "

Esplicita . 

Un  po' ….. azzardata ,  per l' epoca .



2 Febbraio – La beguineultima modifica: 2006-02-02T17:19:20+01:00da wally_giana
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “2 Febbraio – La beguine

Lascia un commento